Share with your friends










Inviare

Dopo Firenze e con un po’ di anticipo rispetto a quanto dichiarato a giugno, a Milano è attivo il bike sharing a flusso libero.

Questa tipo di modalità di noleggio bici è stata introdotta in Cina e rapidamente si sta diffondendo in Italia, prima nel capoluogo toscano e ora in quello lombardo grazie al servizio offerto da Mobike con 8.000 biciclette e, entro pochi mesi, da Ofo con 4.000 due ruote.

Non abbiamo resistito e abbiamo voluto subito provarlo, scrivendo questa breve guida all’uso di Mobike.

bici mobike parcheggiata

Con il bike sharing a flusso libero le biciclette possono essere lasciate in qualsiasi punto della città.

Cos’è il bike sharing “libero”

Per bike sharing a flusso libero (in inglese free floating) si intende un sistema di condivisione di biciclette privo di postazioni fisse per il ritiro o la riconsegna del mezzo. Con questa tipologia di servizio l’utente può lasciare liberamente la bicicletta all’interno di un’area specifica senza avere il vincolo di doverla lasciare in una colonnina o in una rastrelliera specifica.

Ovviamente il ciclista deve bloccare la biciclette e l’area in cui la parcheggia non deve essere privata o chiusa da cancelli.

Dal punto di vista di chi gestisce il servizio, vengono risparmiati i costi dell’installazione delle colonnine e la superficie da esse occupata.

Il bike sharing secondo Mobike

Mobike è un’azienda di Pechino fondata nel 2015 il cui core business è proprio il bike sharing libero. Dopo aver esteso il suo servizio in più di 160 città cinesi, dall’estate 2017 si sta espandendo in Europa raggiungendo le città di Manchester, Firenze, Milano e Londra.

Il colosso cinese propone 2 tipi di biciclette, entrambe facilmente riconoscibili: la Classic Mobike con telaio in alluminio, freno a disco posteriore, trasmissione cardanica e ruote antiforatura da 24″ e la Mobike Lite, più leggera ma con con componenti più tradizionali.

numero di serie delle bici mobike

Oltre al numero di serie, le biciclette Mobike si notano subito per la trasmissione cardanica, i cerchi da 24″ a 5 razze e il mega cavalletto .

Le biciclette sono dotate di GPS e hanno stampato un numero di serie e due codici QR per la fase di rilascio.

Il lucchetto è incorporato e consente di bloccare la ruota posteriore.

Per utilizzare il servizio di Mobike è obbligatorio scaricare l’apposita app disponibile per iOs e Android e registrarsi lasciando gli estremi di una carta di credito e un numero di cellulare attivo.

Guida all’uso del bike sharing Mobike

L’utilizzo di Mobike è molto semplice e simile ai più diffusi servizi di car sharing. Tutto si comanda da smartphone e i pagamenti avvengono tramite carta di credito. Prenotazione e ritiro vengono effettuati tramite app mentre il termine della corsa avviene automaticamente alla chiusura del lucchetto.

Ecco spiegato passo a passo il funzionamento di Mobike.

L’app Mobike

Per usare Mobike la prima operazione da fare è scaricare l’app gratuita e in italiano (qualche traduzione è ancora approssimativa) dall’Apple Store o da Google Play.

Se non vi siete già registrati, la prima cosa richiesta è un numero di telefono per la verifica. Una volta inserito vi verrà inviato un sms con un codice a 4 cifre che dovrete inserire nell’apposito campo.

Per usare Mobike è necessario avere più di 16 anni e nel secondo step vi viene chiesto di confermare questo requisito.

Il terzo step è la richiesta del rilascio di un deposito cauzionale mediante carta di credito. In questo modo Mobike si assicura di avere una carta di credito dalla quale scalare eventuali penalità o saldi in sospeso. Mobike accetta carte di credito e di debito ma non ricaricabili (o almeno abbiamo provato con una PostePay e non è stata accettata).

A questo punto siete pronti per noleggiare la vostra bici a flusso libero!

registrazione app mobike

Per la registrazione a Mobike sono necessari 3 step: verifica del numero di cellulare, avere più di 16 e lasciare un deposito cauzionale di un euro.

Prenotare una bicicletta Mobike

La pagina principale dell’app Mobike è una mappa in cui sono visualizzate con l’icona di una bicicletta racchiusa in un cerchio arancione i mezzi disponibili.

Toccando l’icona vi comparirà il nome della via dove è parcheggiata la bicicletta e il percorso, completo di distanza e tempo stimato, per arrivarci.

Una volta trovata la bicicletta a voi più congeniale vi basta premere su “Prenota” e un messaggio vi avviserà che avete 15 minuti di tempo per raggiungerla e beneficiare della prenotazione gratuita.

prenotazione di mobike via app

Individuata la bicicletta sulla mappa, l’app ci indica quanto è distante e con un tap la si prenota gratuitamente per 15 minuti.

Iniziare il noleggio

Le bici possono essere lasciate ovunque, basta che non intralcino il traffico, e quindi può non essere facile individuare la due ruote prenotata. Oltre alla posizione GPS (molto precisa) è possibile che l’utente che l’ha usata prima di voi abbia lasciato una foto della bici parcheggiata, così da rendere più facile l’ubicazione.

Tramite app è inoltre possibile far emettere un suono alla bici, sempre per identificarla meglio o riconoscerla nel caso siano presenti più biciclette (durante la nostra prova il messaggio sonoro non ha funzionato). Confrontato il numero di serie stampato a caratteri cubitali nel telaio con quello presente sull’app, vi basterà premere il tasto “sbloccare” collocato in basso.

codice qr nelle bici mobike

I 2 codici QR utili per sbloccare la bici sono ben visibili: uno sull’attacco manubrio e uno sul blocco della ruota posteriore.

Attivato lo scanner, non vi resta che fotografare il codice QR presente sull’attacco del manubrio nel lucchetto sulla ruote posteriore. Di notte è utile l’opzione che fa accendere le luci.

Una volta verificato il codice, il lucchetto si aprirà e potrete cominciare a pedalare.

Sull’app vengono indicati la durata, la distanza, le calorie bruciate, il costo e man mano che si pedala viene disegnato l’itinerario percorso.

Gli unici interventi da fare alla bicicletta sono la regolazione della sella e, di notte, laccensione delle luci.

Dall’app è possibile mettersi in comunicazione direttamente con un operatore con l’apposito tasto in basso a destra.

sblocco della lucchetto della bici mobike

Dopo aver scansionato uno dei due codici QR, il sistema provvede a sbloccare il lucchetto.

Terminare il noleggio

Finito il vostro itinerario non dovete cercare né colonnine né postazioni particolari ma potete lasciare la bicicletta in qualsiasi punto, basta che non sia d’intralcio al traffico o all’interno di una proprietà privata.

Per terminare il noleggio è sufficiente chiudere il lucchetto. Eseguita l’operazione verranno il lucchetto emetterà 3 bip e vi arriverà subito sull’app un messaggio di fine servizio con il sommario comprendente il totale speso e altri dettagli del viaggio.

Per facilitare l’utente successivo e per guadagnare crediti, potete scattare una foto di dove avete parcheggiato la bicicletta.

Qualora non riusciate a chiudere la bicicletta tramite il lucchetto, è possibile terminare il noleggio dall’app o chiedere l’intervento di un operatore.

Profilo Personale

All’interno dell’app è possibile modificare i dati del profilo e soprattutto è possibile consultare il proprio portafoglio, il saldo crediti e visualizzare il diario dei nostri itinerari.

In alto sono riassunti i chilometri totali percorsi, i chilogrammi di CO2 risparmiati e le calorie consumate.

Il borsino dei crediti permette di visualizzare la cronologia dei crediti guadagnati o persi.

Tutti i viaggi vengono salvati ed è possibile verificare l’itinerario sulla mappa e controllare distanza, durata e costo.

area personale dell'app mobike

Al termine del noleggio un messaggio ci notifica i dettagli dell’itinerario mentre dall’area personale si controllano tutti i parametri Mobike.

Il costo e le tariffe di Mobike

L’iscrizione a Mobike è gratuita e al momento non sono previsti costi di abbonamento, è però obbligatorio lasciare un deposito cauzionale rimborsabile di un euro.

La prenotazione della bicicletta è gratuita.

Per noleggiare è necessario avere un saldo positivo del portafoglio. Il saldo può essere ricaricato tramite carta di credito con importi da 5, 10, 20 o 50 euro.

Il costo di utilizzo per un utente con più di 80 crediti è di 30 centesimi ogni 30 minuti calcolati anticipatamente dal momento in cui la bicicletta viene sbloccata. Per l’utente con meno di 80 crediti la tariffa è di 20 euro ogni 30 minuti.

I crediti Mobike

I crediti Mobike influiscono sulla tariffazione del noleggio e con un valore crediti pari a 0 non è consentito noleggiare.

Al momento della registrazione ogni utente riceve 100 crediti, 20 in più rispetto alla soglia sotto la quale scatta la tariffazione maggiorata.

Per ogni prenotazione si riceve un credito e altri crediti si ottengono aiutando l’utente successivo a trovare la bicicletta (2 crediti), segnalando una bicicletta rotta (1) o un parcheggio errato (1) e invitando un amico ad utilizzare il servizio (1).

I crediti vengono scalati se la bicicletta viene parcheggiata in un area recintata (20 crediti), se la si abbandona una volta fermati dalla polizia (50) o se non la si blocca e poi la si riprende (15).

Il credito viene automaticamente azzerato se si usa un lucchetto privato, se non la si blocca o se la si trasporta illegalmente.

blocco antifurto mobike

Il sistema di blocco è poco sicuro come antifurto ma il sensore GPS e la particolarità dei componenti dovrebbero scoraggiare i furti.

Le prime impressioni su Mobike

L’esperienza della redazione di urban.bicilive.it con Mobike è stata positiva e seguirà su questo portale un test più approfondito.

A Milano, seppur il servizio di BikeMi sia capillare e funzionale, il poter lasciare la bicicletta esattamente fuori dall’ufficio o alla fermata della metro è veramente una grande comodità. Le biciclette trasmettono Made in China da tutti i pori (il manettino del cambio è in realtà un campanello!), sono piccoline e mancano del cambio ma è anche vero che sono studiate per percorsi brevi.

Il blocco della ruota è un sistema di antifurto poco sicuro ma nella bici è presente un GPS e i componenti sono molto particolari e facilmente riconoscibili.

Se anche voi volete provare questo servizio o se volete avere più informazioni visitate il sito ufficiale di Mobike.

A proposito dell'autore

Alle pendici del Nevegal ha imparato ad andare in mtb per poi trasferirsi in città: prima a Roma dove ha avviato un'attività di bike tour (@gigiBicicletta) e ora pedala per Milano