Share with your friends










Inviare
Abbiamo provato il supporto smartphone per biciclette Finn
Installazione9
Compatibilità8
Stabilità6
Utilizzo7
Rapporto qualità/prezzo8
Prezzo
  • € 12,00
7.6Il nostro voto
Voti lettori: (0 Voti)
0.0

Test del supporto smartphone bici Finn, un accessorio semplice, economico e “geniale”

È un accessorio che personalmente aspettavo da tempo. Da quando uso lo smartphone sia come strumento di lavoro sia per tutte le attività quotidiane come telefonate, email, foto, agenda, navigatore, promemoria, è stato indispensabile trovare una soluzione per fissarlo sul manubrio.

Supporto smartphone bici: test Finn

Inizialmente ho optato per il fai-da-te: ho acquistato due semplici pezzi di velcro biadesivo e ne ho fissato uno sopra il tubo orizzontale (appena sotto la serie sterzo) e uno dietro al telefono. Funzionale, ma “a rischio” e soprattutto lo smartphone aveva la striscia di velcro incollata dietro.

Da qualche mese uso il supporto smartphone bici Finn, un accessorio minimale realizzato in silicone che possiamo definire “geniale” per la sua semplicità e funzionalità. Ci sono molti motivi che me lo fanno apprezzare: è un’idea talmente semplice che anche la sua produzione è priva di particolari difficoltà, è leggero, non si rompe se ti cade, sta nella tasca, si installa senza attrezzi, senza viti o fascette; inoltre non rovina in nessun modo né lo smartphone né il supporto dove si installa.

Dall’App al supporto smartphone bici

Ma sapete il bello di questo prodotto cos’è? L’esigenza dei suoi ideatori non era tanto soddisfare il mercato degli utenti che usano lo smartphone sul manubrio della bici, ma quella di affiancarlo all’App Bike City Guide che i suoi ideatori avevano pensato per i ciclisti! In pratica: hanno studiato un’applicazione per i ciclisti, poi si son trovati con il problema dei supporti smartphone da bici! Che sono costosi, da montare sul manubrio con viti e supporti ingombranti. Hanno pensato di realizzarsi loro stessi il porta-smartphone da bici e credo che lo abbiano fatto in modo molto intelligente.

Finn: come si installa?

Si appoggia al manubrio con la parte in cui è presente la sagoma arrotondata, si fa passare un lato del Finn dentro l’asola, poi si fissano due estremità ai due lati dello smartphone e si tirano le altre estremità passate dall’asola. Infine si fissano le altre due estremità. Sembrano due perizomi che lo tengono fissato al manubrio!

Stabilità

Considerando che è un “elasticone” di silicone, con il Finn il telefono rimane ben saldo al manubrio e non si muove particolarmente, anche quando si usa digitando sul il display resta abbastanza fisso. Certo, non è una struttura rigida, dunque flette, ma questo non compromette molto l’utilizzo. Quando si prendono delle buche o si attraversa un tratto di strada particolarmente rovinato, lo smartphone ha molte oscillazioni, non mi è mai caduto, ma ho sempre controllato se fosse tutto ok dopo il tratto dissestato!

Supporto smartphone bici Finn

Resistenza e compatibilità

Inizialmente ero un po’ scettico sulla resistenza del silicone, soprattutto alla trazione. Per togliermi i dubbi ho fatto qualche test di “estensione”. L’ho tirato fino a mezzo metro e nessun angolino o elemento ha ceduto. È compatibile praticamente con tutti gli smartphone (ne ho provati una dozzina tra i miei amici N.d.a.) e con ogni manubrio. Bisogna fare solo attenzione che l’elastico non prema contro tasti come quello del volume, questo aspetto non lo penalizza molto, ma va fatto notare.

Finn: ha le sue pecche

Ritengo questo supporto smartphone bici una soluzione per chi ne fa un uso non intensivo e soprattutto non ne ha bisogno quando piove. Il Finn infatti non assicura la protezione dello smartphone né da pioggia e schizzi, né da polvere e soprattutto non protegge il telefono in caso di caduta. Si può utilizzare con cover semplici e sottili, non con cover troppo spesse, io l’ho provato anche con una costodia impermeabile morbida, ma ne risulta poi difficile l’utilizzo perché la custodia si piega quando viene “stretta” dal Finn.

Finn: Quanto costa?

12 euro, lo si può ordinare su youandbike.it e la spedizione è gratuita. Inoltre, nel prezzo è compreso un buono sconto per acquistare l’App Bike City Guide.

Conclusioni

Accessorio da avere assolutamente nel proprio “kit bici urban“, utile quando dobbiamo usare lo smartphone come navigatore in città per rapide commissioni.

A proposito dell'autore

Appassionato di mountainbike dalla nascita, scopre la fotografia molto giovane, dopo la laurea in architettura non abbandona il sogno di lavorare come fotografo e da quel momento inizia la sua vera carriera da professionista lavorando come fotografo specializzato nell'action photography e fornendo servizi ad aziende di ogni genere... Attualmente ha il ruolo di Direttore Responsabile di BiciLive.it