L’allarme per tutte le realtà commerciali operanti nel settore del ciclo (e del motociclo) è stato lanciato oggi 18 aprile 2020 da Paolo Magri di Confindustria ANCMA: il presidente dell’associazione dei produttori di cicli, motocicli e accessori ha segnalato come il sistema industriale e la rete di distribuzione e vendita del mercato stiano subendo un danno economico molto rilevante.

“La tenuta è a rischio”, è stata la sua preoccupante sintesi.

A quasi due mesi di distanza dalla morte della prima vittima italiana del Coronavirus e a quasi sei settimane dalle prime misure restrittive imposte da Governo e Regioni per cercare di contenere e domare la pandemia Covid-19, ANCMA ha fatto il punto della situazione in una lettera inviata a Vittorio Colao, il manager alla guida della task force che sta studiando i modi e i tempi per la “ripartenza”.

La sua richiesta è semplice: “la riapertura immediata delle imprese del settore”.

Piazza del Duomo a Milano deserta a causa del Coronavirus

La piazza del Duomo di Milano deserta è perfetta per descrivere il lockdown che ha confinato in casa ciclisti e negozianti.

ANCMA e la crisi del settore ciclo

Nei giorni scorsi anche noi di BiciLive.it abbiamo dato molto spazio a considerazioni e proposte sul presente e il futuro del mercato delle biciclette e dei sui protagonisti: aziende, negozianti, ciclisti.

Manuel Marsilio di CONEBI nell’intervista di Claudio Riotti ci ha parlato di stime che prevedono per il mercato perdite nell’ordine del 30-60% e un volume di produzione più basso del 30-40% rispetto allo stesso periodo in normali condizioni. Il general manager della Confederazione Europea dell’Industria del Ciclo (di cui ANCMA è associata) ha sottolineato come oltre cinquantamila negozi e distributori di biciclette ed ebike ne saranno gravemente colpiti.

Gli fa eco Magri, che ha parlato di un mercato italiano in calo del 66% già a marzo, quando si sono chiusi i negozi: i numeri da sogno delle vendite 2019 di bici sono stati sostituiti da un incubo che rischia di essere solo agli inizi.

Quello delle due ruote (biciclette o moto che siano) è infatti un mercato che è al suo picco nei mesi che vanno da marzo a luglio, proprio quelli in cui l’impatto del Coronavirus si prevede maggiore. E sarà ben difficile recuperare una parte dei volumi d’affari se le chiusure dei negozi si protrarranno.

Folla alla fiera delle biciclette CosmoBike Show 2020 a Verona

Nei due giorni a CosmoBike Show 2020 a Verona il mercato del ciclo era in grandissima forma. Il baratro distava solo pochi giorni…

Previsioni nere anche per l’export

Anche l’ormai certo calo dell’export è fonte di preoccupazione per Magri, che ha ricordato come il 18% della produzione europea di bici e quasi la metà di quella delle motociclette avvenga in Italia: si tratta di una vera e propria eccellenza industriale del nostro Paese che produce circa 2,6 milioni di biciclette ogni anno e 320.000 moto.

Senza contare le tante altre realtà – grandi e piccole, note e meno note – dedite alla produzione di accessori, componenti e abbigliamento tecnico, tutte in attesa di trimestri commerciali che immaginare deludenti è dire poco.

Aziende “che hanno fatto la storia di questo settore a livello internazionale”, per usare le parole del presidente, e che dovranno trovare un modo per andare avanti e difendere l’indiscusso ruolo di leadership che per anni hanno interpretato su mercati esteri.

Un ciclomeccanico al lavoro su una bicicletta

Negozianti e ciclofficine: si respira a fatica

Il nostro direttore Matteo Cappè ha descritto alcune delle difficoltà odierne dei negozianti nel suo editoriale di aprile 2020 pubblicato qualche giorno fa: Paolo Magri di ANCMA ha parlato di una rete vendita “in affanno”.

“Un tessuto commerciale costituito da circa 5000 negozi, piccole realtà imprenditoriali talvolta a conduzione familiare, che in questo momento con l’adozione, ad esempio, di misure di vendita alternative potrebbero in qualche misura tornare a respirare e favorire la diffusione di bici e moto”.

Questo è un discorso ricco di potenziale, ma quante realtà avranno la forza e i mezzi per poterlo fare in tempi brevi? La speranza è che anche il Decreto Clima possa in qualche modo aiutare.

Ciclisti della domenica al parco

Torneremo presto a poter pedalare al parco? ANCMA spera proprio di sì.

ANCMA: riapertura immediata e ripresa

Il presidente di Confindustria ANCMA è certo che i mezzi a due ruote avranno un ruolo molto importante nella mobilità urbana in occasione della prossima Fase 2, quella della “ripartenza”.

Il nostro Alessandro Borghi aveva parlato di distanziamento sociale e rivoluzione della mobilità solo quattro giorni fa, ipotizzando uno scenario che Magri abbraccia a pieno, soprattutto nei contesti cittadini.

Le bici, elettriche e non, potrebbero essere protagoniste dei cambiamenti che verranno e che ci faranno compagnia nei mesi futuri di convivenza col virus, perché “possono assicurare in maniera esclusiva il distanziamento sociale, la velocità negli spostamenti e una maggiore sostenibilità ambientale”.

Nel chiedere la “riapertura immediata” delle aziende del settore ciclo Magri ha ribadito che gli associati di ANCMA sarebbero pronti a tornare all’attività a pieno regime già oggi, non senza una mantella protettiva di grande responsabilità: sarà imprescindibile l’adozione di rigorosi protocolli sanitari da condividere con le parti sociali.

Tutto per salvaguardare la salute dei lavoratori e per tutelare un mercato, contraddistinto da una spiccata stagionalità, che è probabile impiegherà mesi per rialzarsi da questa caduta.

A proposito dell'autore

Ciclista urbano per passione e necessità, Alessio lavora da sempre su computer e internet, oggi principalmente come consulente e formatore di SEO e web marketing. Si è unito al team di bicilive.it per poter scrivere di alcuni dei suoi argomenti preferiti - le biciclette e la tecnologia - e conoscere tanti esperti ciclisti con cui condividere consigli e buone abitudini, magari pedalando insieme.