Share with your friends










Inviare

La cellulite (pannicolopatia edematofibrosclerotica) è considerato un inestetismo della pelle e colpisce prevalentemente le persone di sesso femminile: circa il 90% delle donne ne è affetto in qualche misura.

Si evidenzia nelle zone particolarmente sensibili all’azione degli estrogeni, gli ormoni sessuali femminili. Le zone più colpite sono quindi cosce, glutei e fianchi, i classici punti dove tendenzialmente si accumula grasso e la ritenzione idrica è più evidente.

Pur essendo un “semplice” problema estetico, le cause e i fattori scatenanti sono complessi e in alcuni casi possono anche influenzare la qualità della vita sociale.

L’attività fisica aerobica e l’allenamento in palestra sono due alleati per combattere la cellulite. In questo articolo ricco di informazioni e consigli parleremo a fondo di cellulite e dei possibili rimedi per eliminarla, soprattutto grazie allo sport.

Pronti?

Una donna con tracce di cellulite sulle cosce

La cellulite: un circolo vizioso

La cellulite, come molti processi infiammatori del corpo, è un circuito che si autoalimenta in cui è sempre più difficile intervenire con il passare del tempo.

Nello strato di tessuto adiposo della pelle ci sono appunto delle cellule adipose che aumentano di volume trattenendo liquidi. Questo aumento di volume interferisce con la microcircolazione. Il risultato del rallentamento metabolico e dello scambio di liquidi della cellula sarà un processo di tipo infiammatorio locale che a tutti gli effetti si “autoalimenta”.

Studi scientifici hanno evidenziato la forte componente genetica della cellulite ma nonostante la predisposizione è importante limitare il processo infiammatorio. Come ogni infiammazione, se protratta nel tempo, la cellulite può portare ad alterazioni più o meno gravi del tessuto (pelle, vasi sanguigni ecc.).

Nel casi più gravi di cellulite i grassi arrivano a formare delle vere e proprie masse che alterano le strutture dei tessuti coinvolti. Gli accumuli di trigliceridi (grassi) andranno a limitare pesantemente il microcircolo e porteranno a un vero e proprio blocco del metabolismo cellulare locale, al quale si aggiunge dolore alla palpazione anche superficiale.

Una donna con cellulite

Cause della cellulite

Come accennato nel capitolo precedente, è presente di base una predisposizione genetica, come nella maggior parte delle patologie, che può essere secondaria a problemi vascolari o di tipo ormonale.

Durante lo sviluppo i cambiamenti ormonali possono portare a scompensi e problemi legati alla secrezione da parte delle ghiandole e organi.

Pur essendo la cellulite un inestetismo a livello locale, altre cause si possono trovare in distretti corporei diversi dalla zona problematica: problemi epatici (contribuiscono al metabolismo ormonale), disturbi intestinali come stitichezza e colon irritabile, stress e posture scorrette e protratte nel tempo che possono ostacolare la corretta circolazione sanguigna.

Potremmo aggiungere una serie di altre concause ma dai pochi indizi che ho elencato possiamo notare come il filo conduttore sia la circolazione sanguigna, quindi tendenzialmente ogni patologia, atteggiamento, abitudine alimentare e posturale che possa limitare o peggiorare il sistema circolatorio potrebbe aumentare il problema della cellulite.

Una donna che misura la circonferenza della coscia

I rimedi per la cellulite

Le aziende farmaceutiche e cosmetiche investono molto nella ricerca e ancora di più nel marketing per lo sviluppo di nuovi trattamenti con l’obiettivo di ridurre la cellulite. Non li elencheremo in questo articolo ma sappiate che anche in questo caso la chiave su cui si basano i trattamenti è il miglioramento della circolazione sanguigna locale.

Da buone sportive, o aspiranti tali, dovrebbe però sorgervi una domanda spontanea. Ma se il segreto è il miglioramento della circolazione, non posso migliorarla facendo sport? La risposta è: certo che sì!

La sedentarietà va d’accordo con ogni patologia e la cellulite, pur non sotto tutti i punti di vista, risente ugualmente degli “effetti del divano”.

Il primo passo quindi per migliorare la vostra situazione infiammatoria a livello di fianchi cosce e glutei è muovervi.

Il movimento porterà una serie di benefici a cascata che, nel caso in cui non dovesse migliorare il vostro stadio di cellulite, vi porterà sicuramente a una migliore qualità della vita.

Una donna si esercita in palestra

Camminata e cellulite

La camminata è l’attività fisica di base, a costo zero e che non richiede materiali tecnici. Iniziate programmando almeno quattro uscite settimanali di camminata veloce di almeno 60 minuti. Il terreno e il percorso sono a vostro piacimento ma è importante che il lavoro sia di tipo aerobico e continuativo; idratatevi bene durante l’uscita.

Se iniziate a vedere i progressi a livello atletico e siete abbastanza motivate da voler fare il salto di qualità e iniziare a correre, vi consiglio di seguire questa tabella di allenamento per iniziare a correre da zero.

Ragazza fa fitness correndo su per una scalinata

Allenamento in bici per la cellulite

Il ciclismo ha due grandi vantaggi rispetto alla camminata: un impatto sulle articolazioni molto basso e può essere svolto facilmente anche per tempi lunghi. I contro sono gli spazi disponibili, il meteo e ovviamente il mezzo.

Nel caso in cui voleste avvicinarvi al ciclismo potete leggere questo breve articolo sulla “prima volta in bici”.

A differenza della camminata, un’uscita in bici può essere protratta anche oltre le due ore gestendo lo sforzo e la fatica.

Così come la camminata, se invece siete già delle persone attive e volete migliorare la vostra prestazione ho qua per voi un allenamento di 12 settimane in bici.

Ragazza va veloce in sella a bicicletta

Il nuoto per combattere la cellulite

Sfatiamo subito un mito: il nuoto è uno sport come molti altri e non ha funzioni miracolose sul fisico, dimagrimento e tanto meno la cellulite. È un’ottima attività fisica per gli amanti dell’acqua ma che richiede una buona tecnica per essere allenante.

Se quindi siete dei principianti, sconsiglio il nuoto come allenamento aerobico, almeno inizialmente.

L’obiettivo come nella camminata è quello di praticare l’attività fisica per circa un’ora continuativa. In questo caso potete variare gli stili a vostro piacimento.

Una donna che nuota per combattere la cellulite

La multidisciplina

Se invece volete spezzare la monotonia perché avete paura di annoiarvi praticando solamente un’attività, potete organizzarvi distribuendo gli allenamenti di diversi sport durante la settimana.

Gli obiettivi dovranno essere sempre due inizialmente: svolgere attività fisica aerobica per almeno 60 minuti e evitare gli infortuni.

Un uomo fa esercizi tirando la corda

La palestra

L’allenamento con i sovraccarichi è ormai alla base di tutti gli sport, sia per un miglioramento della performance ma soprattutto per una prevenzione degli infortuni.

L’allenamento in palestra non rientra tra le attività aerobiche ma così come altri sport ad alta intensità è un ottimo mezzo allenante.

I metodi di allenamento utilizzati in palestra sono ormai incalcolabili, quello che vi propongo io si basa su una sequenza di esercizi in palestra da eseguire a circuito.

Una donna che va in palestra per combattere la cellulite

Cellulite, cause e rimedi: conclusioni

Il primo passo per combattere la cellulite è credere in voi stesse e non in metodi miracolosi. Ricordate che il 90% delle donne ha la cellulite, più o meno grave, quindi non deve essere un fattore limitante nella vostra vita sociale.

Fissate un obiettivo concreto senza concentrarvi solamente sul fattore estetico.

Vi piace correre? Datevi 6 mesi per allenarvi e partecipare a una gara amatoriale, vedrete che se vi allenerete con costanza la vostra cellulite migliorerà e soprattutto passerà in secondo piano.

A proposito dell'autore

Osteopata D.O., chinesiologo e tecnico FCI. Appassionato di sport individuali e gareggia in mtb dal 2006, ottenendo buoni risultati nel downhill ma partecipando a gare di ogni specialità. Socio fondatore di Promosport Racing e Boschi Sport club, due associazioni volte a seguire quelle che sono le sue idee di sport: aggregazione, divertimento e competizione.