Share with your friends










Inviare

Uno degli aspetti migliori dell’evoluzione della Rete è la possibilità, per i piccoli imprenditori e inventori, di disporre di una vetrina mondiale per le loro idee, che vengono così diffuse a una velocità e potenza che in precedenza erano semplicemente impossibili.

Così è stato anche per Cyclee, una piccola-grande invenzione di Elnur Babayev che in breve tempo ha trovato spazio su siti, riviste e quotidiani del calibro di Mirror, Bored Panda o Ciclosfera.

Questo prodotto interviene, con una soluzione molto brillante, nell’annosa e difficile questione: come andare in bicicletta in sicurezza?

Cyclee è un dispositivo che, posizionato sul retro della bici, proietta segnali luminosi sulla schiena del ciclista, migliorando nettamente la comunicazione con chi pedala, guida o corre dietro di noi e diminuendo quindi le possibilità di un incidente.

Una foto con le segnalazioni proiettate da cyclee sulla schiena del ciclista

Pensato ovviamente per migliorare la sicurezza delle nostre pedalate notturne, Cyclee è un dispositivo che può essere posizionato su ogni tipo di bicicletta (cambiano gli attacchi a seconda dei modelli) e che, tramite un sensore di movimento, è in grado di percepire come si sta comportando la bici.

Sulla base di questi dati, lo strumento provvede quindi a proiettare sulla schiena del ciclista alcuni segnali universali (di fermata, di movimento, di svolta a destra o sinistra), molto grandi e facilmente percepibili di notte.

Una foto del Cyclee montato sul sellino di una bicicletta

In aggiunta a queste funzioni già di per sé molto importanti, Cyclee è controllato da una app via wireless, che vi consentirà di alterare i segnali proiettati e cambiare anche il colore della luce, permettendovi quindi di modificarla a seconda del colore del vostro capo di vestiario.

Non sempre le idee originali sono anche funzionali e di grande utilità ma Cyclee riesce a combinare i due elementi e auguriamo a Elnur Babayev tutto il successo che merita.

Una foto della app per smartphone per configurare e controllare Cyclee

Chi vi scrive ha pedalato innumerevoli volte nella notte padana che mischia nebbia e oscurità e, pur avendo luci di posizione e tutti gli accorgimenti possibili, spesso non si è sentito sicuro.

Purtroppo i dati sugli incidenti stradali per chi viaggia in bicicletta non sono confortanti e occorrono impegno costante, confronto fitto fra varie realtà e una serie di interventi a ogni livello per migliorare la sicurezza dei ciclisti.

Cyclee si muove in questa direzione: ad alcuni potrà anche sembrare “ridicolo” muoversi con della segnaletica stradale sulla schiena ma, mi spiace affermarlo in modo forse troppo brusco, mille volte meglio ridicolo che all’ospedale o morto.

Chi è in cerca di maggiori informazioni su questo accessorio può visitare la pagina Behance dedicata a Cyclee.

A proposito dell'autore

Grande appassionato di natura, cinema e scrittura, collabora da anni con siti di musica, cinema, spettacolo e informazione occupandosi di varie tematiche. Milano gli ha fatto scoprire il mondo della bicicletta e da allora il suo amore per le due ruote continua a crescere inarrestabile.