Share with your friends










Inviare

Ultra Edizioni ha pubblicato lo scorso 31 ottobre A ruota libera. Diario di un ciclista urbano, il libro scritto dal trentenne Federico Longo.

L’autore, nato a Noale, in provincia di Venezia, e fin dall’infanzia grande utilizzatore delle due ruote a pedale per gli spostamenti quotidiani in ambiente cittadino (e non solo), racconta in questo libro il suo rapporto da urban biker con il luogo dove oggi vive e lavora: Roma, definita “la città che più di ogni altra disprezza le biciclette”.

Ciclisti a spasso per Roma

Il diario di un ciclista urbano a Roma

Cresciuto per molti anni in ambienti amici o quantomeno “non ostili” alle bici, Longo si è ritrovato a un certo punto della sua vita nella Capitale d’Italia, scontrandosi con una realtà ben diversa da quelle conosciute di persona in passato. La descrive con l’occhio alieno di chi viene catapultato in una situazione più grande di lui rimanendo intrappolato.

Le automobili sono ovunque. Sulle strade, sui marciapiedi, sulle corsie preferenziali, sui parcheggi riservati alle due ruote, in divieto di sosta, in doppia fila, in tripla fila, sulle strisce pedonali. Auto fumanti, rabbiose, congestionate.

Sulle pagine di A ruota libera racconta del suo continuo viaggiare tra le piazze, le vie e i parchi. Ci parla di memorie, riflessioni e ricordi in cui le persone che conosciamo tra le righe rappresentano l’anima, a volte ferita, della città.

Condivide con noi il gusto della libertà e dell’indipendenza, la soddisfazione di arrivare in orario agli appuntamenti, la leggerezza di muoversi e di fermarsi ad ammirare la bellezza di uno scorcio meritevole.

Ciclisti in bicicletta davanti al Colosseo a Roma

L’autore parla anche della necessità di cambiare le politiche sulla mobilità urbana in una metropoli dove lasciare parcheggiata l’auto – o, meglio, abbandonarla del tutto – per salire in sella a una bici può sembrare una scelta radicale. Una scelta anche coraggiosa, perché a Roma il pericolo è letteralmente dietro ogni angolo: lungo le corsie sbiadite di strade lastricate di buone intenzioni, ma poi squarciate dalle voragini di manti stradali che si arrendono alla prima pioggia invernale.

Nella “Città Eterna” un qualunque banale evento può trasformarsi in emergenza: un semplice sciopero, un acquazzone improvviso, un centimetro di neve. È impensabile uscire in bicicletta, giusto?

Forse no.

Poco più di cento pagine che si leggono in un paio d’ore, con l’ultimo capitolo – il ventiquattresimo – dedicato ai “luoghi comuni” e alle scuse banali sull’andare (e non andare) in bicicletta per la città e una postfazione scritta da Salvaiciclisti-Roma che snocciola dati tanto impressionanti quanto purtroppo veri.

“Ogni romano trascorre in media 250 ore l’anno a bordo della sua automobile e il costo umano di questo modello di mobilità è sconvolgente: 30.000 incidenti e 150 morti ogni anno sulle strade. E se non bastasse, l’aria di Roma è fuorilegge.”

La copertina del libro A Ruota Libera di Federico Longo

A ruota libera: dati completi del libro

Titolo: A ruota libera. Diario di un ciclista urbano
Autore: Federico Longo
Editore: Ultra
Collana: Ultra
Anno prima edizione: 2019
In commercio dal: 31 ottobre 2019
Pagine: 108
Formato: Brossura
Prezzo: 12,50 euro
Codice ISBN: 9788867769179

Il testo può essere acquistato sul sito dell’editore o su numerose librerie online come Amazon e IBS.

A proposito dell'autore

Ciclista urbano per passione e necessità, Alessio lavora da sempre su computer e internet, oggi principalmente come consulente e formatore di SEO e web marketing. Si è unito al team di bicilive.it per poter scrivere di alcuni dei suoi argomenti preferiti - le biciclette e il verde - e conoscere tanti esperti ciclisti coi quali condividere consigli e buone abitudini, magari pedalando insieme.