Share with your friends










Inviare

Il più recente rapporto dell’Unicef“La condizione dell’infanzia nel mondo 2019: bambini, cibo e nutrizione – Crescere sani in un mondo in trasformazione” – ha evidenziato come in Italia la percentuale di bambini e adolescenti in sovrappeso negli ultimi 15 anni sia raddoppiata. Nel dettaglio, dal 2000 al 2016, la percentuale di persone sovrappeso di età compresa tra i 5 e i 19 anni è arrivata al 36,8%.

E i “grandi” non sono certo messi meglio. Dati del 2018 davano infatti gli adulti con problemi di peso al 42,4% (31,7% in sovrappeso, 10,7% obesi), con picchi preoccupanti in determinate regioni italiane come la Campania (51,5%), il Molise (48,9%) e la Sicilia (47,4%).

Non nascondiamoci dietro un dito: le persone in sovrappeso sono ovunque tra noi, anche tra gli appassionati di biciclette, i ciclisti amatori e i commuter urbani.

Molti di noi sono appesantiti e preoccupati per il proprio peso, ma non basta usare la bicicletta per andare al lavoro o uscire per “la sgambatina” della domenica mattina per perdere massa grassa e tornare in forma.

Abbiamo realizzato questo articolo per tutti coloro che vogliono migliorare la conoscenza del problema: si tratta di un approfondimento dedicato al grasso corporeo, in particolare al grasso viscerale e al suo impatto sulla salute delle persone. In più scopriremo qual è il miglior metodo per bruciare il grasso viscerale.

Ci auguriamo che le informazioni qui contenute possano aiutare tanti nostri lettori.
Cominciamo?

Perdere peso in eccesso e grasso viscerale

La perdita di grasso corporeo è un tema che non passa mai di moda, tanto tra i sedentari quanto tra gli sportivi. A molti piace l’idea di essere magri e in forma, alcuni si interessano sui metodi per dimagrire e in pochi (pochissimi) concretizzano modificando il proprio stile di vita con l’obiettivo di perdere grasso corporeo.

La parola “cambiamento” fa sempre paura, ma è un passaggio necessario per migliorare il proprio stato di salute e evitare le patologie correlate a un’alta percentuale di grasso corporeo.

Nel nostro corpo abbiamo diversi tipi di grasso. Il grasso viscerale, quello di cui parleremo in questo articolo, è il tessuto adiposo che si concentra nei nostri organi del tronco. Possiamo immaginarlo come un tessuto che avvolge gli organi: se presente in quantità eccessive può portare a diverse problemi di salute.

Una quantità eccessiva di grasso viscerale può essere definita obesità centrale o androide. L’incidenza è prevalentemente maschile e la si può riconoscere per la quantità eccessiva di grasso nella zona addominale, la tipica forma a mela.

Rispetto alla forma di obesità ginoide, a pera, quella androide presenta una quantità di adipociti maggiore. Di conseguenza il grasso viscerale può essere eliminato più facilmente ma, d’altra parte, porterà a un’elevata diffusione di acidi grassi nel sangue con conseguenze negative a livello degli organi e quindi dell’intero organismo.

Un Uomo che si misura il Grasso Viscerale sulla pancia

Grasso viscerale e salute

Una quantità eccessiva di grasso viscerale aumenta il rischio di patologie cardiovascolari ma sopratutto è un fattore predisponente per la sindrome metabolica. La “sindrome metabolica” è una condizione caratterizzata dalla presenza di una serie di fattori di rischio per lo sviluppo di insulino resistenza e malattie cardiovascolari.

Per “insulino resistenza” si intende la diminuzione della sensibilità delle cellule all’insulina, portata dalla presenza massiccia di acidi grassi nel sangue che, per una serie di processi biochimici, provocherà un aumento dei livelli di glucosio nel sangue (glicemia) che a sua volta determinerà l’insorgenza del diabete di tipo 2.

Non è necessario misurare il grasso viscerale. Il medico sarà in grado di determinare il grado di gravità della situazione con un’anamnesi dettagliata, valori alterati del sangue e storia familiare.

Un indicatore “da campo” empirico ma utile per avere un riferimento è il rapporto tra girovita e fianchi. Se il rapporto tra girovita e fianchi è maggiore di 0,85 si parla di obesità androide.

Il medico che misura la quantità di Grasso Viscerale

Come eliminare il grasso viscerale

Se da un punto di vista delle salute l’aumento del grasso viscerale può portare all’aumento di rischio di patologie cardiovascolari, sindrome metabolica e diabete di tipo 2, dal punto di vista della prevenzione il tutto si “semplifica” a una dieta bilanciata e un protocollo di esercizio fisico mirato.

Diversi studi scientifici sottolineano come l’esercizio fisico sia l’arma migliore per combattere il grasso viscerale. In particolare le attività aerobiche a media e alta intensità.

Arriviamo ora alla parte pratica.

Recenti studi hanno evidenziato come un’attività di 30 minuti giornaliera possa favorire la perdita di grasso viscerale. Ma attenzione: se volessimo arrivare a una significativa perdita di grasso sarà necessaria un’attività fisica di 45/60 minuti al giorno praticata a intensità moderata/intensa.

Per attività fisica moderata potete fare riferimento a un ritmo che vi consenta di parlare ma avendo già il “fiatone”. Non dovete arrivare al limite delle forze.

Mentre per attività intensa si prevedono sforzi submassimali. Sarà faticoso parlare e la respirazione sarà frequente e sostenuta (fiatone). Arriverete al termine dell’attività con poco margine rispetto al vostro limite.

La ragazza che con attività fisica costante perde peso

Se non avete mai praticato attività fisica ma siete decisi a combattere il vostro grasso viscerale il nostro articolo su come iniziare a fare attività fisica è quello che fa per voi.

Come consiglio per un’attività fisica immediata posso dirvi che la corsa è ovviamente la più semplice da mettere in pratica: basso costo e poca attrezzatura.

La corsa però non è per tutti. Se siete sovrappeso è meglio preferire camminate a ritmo sostenuto mentre se volete cimentarvi nella corsa partendo da zero posso consigliarvi il protocollo di allenamento spiegato nella nostra guida a come iniziare a correre.

Esiste inoltre un metodo di allenamento molto intenso, adatto a chi già allenato. Sto parlando degli Allenamenti a Intervalli a Alta Intensità (HIIT). Sono sedute di allenamento molto brevi ma con ottimi risultati sui sistemi energetici e quindi la composizione corporea.

Puoi trovare una tabella di allenamento nel nostro tutorial perdere massa grassa con l’allenamento HIIT.

Salute e grasso viscerale: conclusioni

Il grasso viscerale è un indicatone di salute della persona. Relativamente facile da eliminare ma molto pericoloso se raggiunge quantità elevate. Un accumulo di grasso viscerale può portare a sviluppare patologie cardiovascolari e metaboliche.

L’allenamento è il mezzo più efficace per eliminare il grasso viscerale, abbondante nell’obesità androide. Al contrario dell’obesità ginoide dove il maggiore accumulo di grasso sarà sottocutaneo, molto più difficile da eliminare.

Ricordo che prima di prendere iniziative e seguire protocolli di allenamento è fondamentale rivolgersi al proprio medico curante per valutare il percorso insieme. Ritengo inoltre importante sottoporsi a una visita medica agonistica per controllare il proprio stato di salute sotto sforzo.

Un uomo che con troppo cibo può portare a patologie cardiovascolari

Sul magazine BiciLive.it abbiamo pubblicato altri articoli che potrebbero esservi utili, eccoli qui elencati:
Come accelerare il metabolismo, domande e dubbi svelati
Allestire una palestra in casa a basso costo
Alimentazione e ciclismo: i 10 migliori cibi per chi va in bici
Alimentazione e bici: una guida in 10 punti per partire dalle basi
Allenamento in 12 settimane per una forma lampo
Gli infortuni più frequenti nella corsa

Fonti:
Obesità: la mappa regionale del rischio. Campania in cima alla classifica (ilsole24ore.com)
Obesità in Italia: riguarda il 36% della popolazione tra i 5 e i 19 anni (repubblica.it)
Obesi tra 5/19 anni sono 36,8% in Italia (ansa.it)

A proposito dell'autore

Osteopata D.O., chinesiologo e tecnico FCI. Appassionato di sport individuali e gareggia in mtb dal 2006, ottenendo buoni risultati nel downhill ma partecipando a gare di ogni specialità. Socio fondatore di Promosport Racing e Boschi Sport club, due associazioni volte a seguire quelle che sono le sue idee di sport: aggregazione, divertimento e competizione.