Share with your friends










Inviare

La seconda edizione di Milano Bike City si terrà da sabato 14 a domenica 22 settembre 2019.

Il festival urbano, della durata di nove giorni, vedrà un susseguirsi di eventi che avranno la bicicletta e i cyclist per protagonisti e coincide con la European Mobility Week (16-22 settembre 2019) che ha come tema “Il sostegno a pedoni e ciclisti”.

Deejay 100, la gara di medio fondo di Radio DeeJay

Come accaduto nel 2018, l’appuntamento più sentito è la Deejay 100, gara di medio fondo organizzata da Radio DeeJay, inserita nel calendario nazionale della Federazione Ciclistica Italiana, alla quale lo scorso anno ha partecipato anche Linus, storico direttore dell’emittente.

Nell’edizione del 2018 gli iscritti alla 100 chilometri sono stati 1.172 e il 22 settembre gli organizzatori della “Deejay 100″ sono certi di veder crescere il numero di partecipanti a una gara che ha un percorso non particolarmente impegnativo.

Dopo la partenza in “zona Fiera”, da CityLife (il più grande distretto urbano dedicato allo shopping in Italia), il tracciato si snoda dapprima in città, per poi dirigersi verso i comuni a ovest di Milano (Pero, Pregnana) e raggiungere il Parco del Ticino (Buscate, Castano Primo), poi si scende verso Abbiategrasso (si passa da Cuggiono, Boffalora, Pontevecchio di Magenta).

Quindi, si rientrerà in Milano passando per Cisliano, Cusago e Cornaredo, per tagliare il traguardo posto a CityFive, cioè da dove si era partiti.

Linus in gara nella DeeJay 100 del 2018

Linus in gara nella DeeJay 100 del 2018, parteciperà anche alla mediofondo del 2019?

Milano Bike City 2019: proponi il tuo evento

Gli organizzatori di Milano Bike City, per questa seconda edizione, puntano a superare i 140 eventi e i 20.000 partecipanti dello scorso anno (15-30 settembre 2018) e nella presentazione di Palazzo Marino, hanno invitato associazioni di ogni genere, imprenditori e titolari di attività commerciali a candidare i propri eventi.

Anche il singolo cittadino potrà avanzare proposte, un’unica richiesta: gli eventi devono essere attinenti al tema, la biciletta.

Per inviare la propria proposta è sufficiente scaricare e compilare i moduli dal sito www.milanobikecity.it/partecipa/

Chi fosse, invece, interessato a sponsorizzare l’evento trova le informazioni necessarie digitando: www.milanobikecity.it/sponsor/

Un evento legato a Milano Bike City

Tutti possono partecipare o proporre il proprio evento a Milano Bike City 2019 – Photo credits: Alberto Pepe.

Guaineri, BikeMi un successo per 4 milioni

Il festival è stato presentato lunedì 10 giugno 2019 in una conferenza stampa a Palazzo Marino. BiciLive.it era presente e ha potuto assistere in prima fila agli interventi sul tema da parte degli esponenti del Comune e degli organizzatori.

Per Roberta Guaineri, assessore a Turismo, Sport e Qualità della vita di Milano: “La biciletta è un mezzo utile sia per fare sport sia per gli spostamenti urbani. Il piano di sviluppo della nostra città, ma anche quello delle grandi capitali europee, prevede sempre più la riduzione dell’utilizzo delle auto, l’incremento delle bicilette e della fruizione di mezzi pubblici. Milano ha 200 chilometri di piste ciclabili tra percorsi stradali e in aree verdi e l’uso della biciletta è in costante crescita come dimostrano i 4 milioni di utilizzi annui di BikeMi”.

Sempre secondo l’assessore: “Milano Bike City, che rientra tra i “week” patrocinati dal comune, sarà una vera festa: ci saranno convegni, incontri culturali sul ruolo della biciletta, workshop di carattere tecnico ed eventi. Tanti eventi”.

Particolarmente importante per la giunta di Milano, sarà: “L’appuntamento alla pista di Mountain Bike, realizzata da Italia Nostra, all’interno del Parco di Rogoredo, che si trova nel quartiere di Milano con la maggior densità di famiglie giovani”.

La presentazione di Milano Bike City a Palazzo Marino

Un momento della presentazione di Milano Bike City a Palazzo Marino – Photo credits: Legambici.

Morozzo: “Progettualità per Milano”

Giovanni Morozzo, uno degli organizzatori punta al cuore degli amanti della bicicletta: “Vogliamo avere una sede che faccia da riferimento informativo per tutta la durata del festival e abbiamo pensato al velodromo “Vigorelli” il luogo dove sono state scritte tante pagine di storia. Milano Bike City è una festa, non è un gioco, soprattutto deve essere progettualità”.

E qui, Morozzo pensa in grande: “Serve una progettualità per sviluppare ulteriormente l’utilizzo della biciletta nelle città. Sono stato a un convegno a Torino, al quale ha presenziato anche Sergio Costa, Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, che ha sottolineato come ci siano le risorse per cambiare le città, ma a mancare sono progetti integrati, perché spesso vengono presentate proposte volte unicamente a utilizzare i fondi a disposizione”.

Morozzo, poi, ha parole di elogio per i bikers: “Chi usa la biciletta ha un’assunzione di responsabilità nei confronti dell’ambiente e della città, è un cittadino molto maturo. La nostra ambizione è quella di censire le piste ciclabili di Milano, perché l’ultima mappatura risale al 2015 ed verificare le condizioni dei tracciati è aggiornare questo importante strumento. Abbiamo anche un’ambizione: quella di realizzare una rivista da distribuire.”

Materiali promozionali Milano Bike City 2019

Materiali promozionali distribuiti durante la conferenza stampa di presentazione – Photo credits: Marco Mazzei.

Mazzei, Bike City non solo a Milano

Anche Marco Mazzei fa parte della squadra degli organizzatori: “L’obiettivo? Coinvolgere sempre più persone, vogliamo andare oltre i bikers, solo così si può incrementare il numero delle persone che utilizzano la bicicletta, per questo dobbiamo cercare di essere il più attrattivi possibili”.

E poi: “Proprio per questo a chi dice che 140 eventi sono troppi rispondo che non è vero: ognuno, ogni giorno, può scegliere ciò che più gli piace, ciò che più gli aggrada. Ecco perché per crescere sempre di più noi ci attendiamo ulteriori proposte da tutti”.

Mazzei aggiunge anche: “L’esperienza di Milano Bike City dello scorso anno è stata positiva, ma la riteniamo un anno zero, con l’esperienza che abbiamo maturato vogliamo riuscire a coinvolgere ancora di più la città”.

Poi la bella notizia: “Il nostro format è piaciuto, così da più parti ci sono state chieste delucidazioni. E Bike City sta diventando un marchio: dal 19 maggio al 9 giugno si è svolta Bologna City Bike (bolognabikecity.it), mentre è in calendario lo stesso evento anche a Padova”.

La chiusura: “Anche Napoli ha chiesto informazioni sulla modalità di svolgimento e di organizzazione di Bike City, quindi potrebbe aggiungersi una quarta città”.

Biciclette BikeMi in piazza Duomo a Milano

A Milano ormai le biciclette del servizio BikeMi sono diventate un simbolo cittadino, proprio come il Duomo.

BikeMi ha 291 stazioni funzionanti

Assente Marco Granelli, assessore a Mobilità e Ambiente, il suo collaboratore Giordano Ghioni ha snocciolato una serie di dati sul Bike Sharing a Milano: “Confrontando i trimestri gennaio-marzo, quest’anno rispetto al 2018 c’è stato un incremento del 37% degli abbonamenti annuali, saliti a 1.657; sono cresciuti anche i settimanali passati da 609 a 757, che vale a dire un incremento del 24%. La fidelizzazione cresce, raggiunge il 77,5%, un dato molto importante, per un servizio che vogliamo cresca ancora”.

Ghioni, poi sciorina altri dati: “A Milano ci sono 291 stazioni funzionanti, nelle quali si trovano 3.650 biciclette classiche e 1.550 e-bike, un numero questo destinato a salire”.

BikeMi, inoltre, è: “Molto attenta alle esigenze delle famiglie: 150 e-bike sono equipaggiate con i seggiolini per i bambini”.

Sempre aggiornati

Per essere costantemente aggiornato sugli eventi in calendario a Milano Bike City consultate il sito ufficiale: www.milanobikecity.it

Per ulteriori informazioni si può contattare l’ufficio stampa: marco@milanobikecity.it

Il festival inoltre ha una pagina Facebook (MilanoBikeCity) ed è presente anche su Instragram.

A proposito dell'autore

Il primo network dedicato interamente alla bicicletta e a tutte le sue forme: dalla mountainbike alla strada, dalla e-bike alla fixed, dalla bici da bambino alla bici da pro.