Share with your friends










Inviare

Sbarca anche in Italia Il potere dei pedali di Olivier Razemon, uno dei maggiori esperti francesi di mobilità, noto sia per le sue collaborazioni con testate del calibro di Le Monde e Géomètre che per il suo blog L’interconnessione non è più garantita, che vanta un flusso medio di circa 300.000 visitatori mensili.

Il volume arriva a noi grazie a Edizioni Epoké e a cura di Matteo Lombardi, giornalista sportivo che collabora anche con Bicilive.it, con postfazione di Luca Lovelli, direttore di Azzurri di gloria.

Il potere dei pedali è allo stesso tempo una seria indagine sulla mobilità ecosostenibile e i suoi potenziali sviluppi futuri e un gioioso inno alla bicicletta, mezzo rivoluzionario che, mai come in questi anni, è in pole position nel guidare il cambiamento: non solo di come ci muoviamo in città e fuoriporta ma, di riflesso, anche di come concepiamo il pianeta e il nostro ruolo nel cercare di mutare lo status quo.

La copertina e la quarta de Il potere dei pedali il saggio di Olivier Razemon

L’edizione italiana de Il potere dei pedali di Olivier Razemon è curata da Matteo Lombardi per Edizioni Epoké.

Olivier Razemon, forte della sua notevole esperienza in materia, analizza e interpreta una grande quantità di dati per illustrare come la due ruote sia la soluzione ideale, e spesso ancora sottovalutata, per risolvere un grande numero di problemi.

I tre fronti principali che possono indubbiamente beneficiare di una maggiore diffusione e impiego della bicicletta tradizionale e di quella a pedalata assistita sono quello della lotta all’inquinamento, al traffico e il miglioramento della nostra salute personale.

Non occorre spiegare a fondo i motivi di tali benefici, tutti facilmente intuibili, ma al gruppo si possono aggiungere anche altri aspetti ai quali magari si pensa un po’ meno.

Prima di tutto il piacere di pedalare, inteso sia sotto il profilo emotivo che dal punto di vista biochimico; l’immersione nella natura; una forte spinta propulsiva a un settore economico; la possibilità di raggiungere luoghi e località ai quali l’automobile non è in grado di arrivare…

L'autore del saggio il francese Olivier Razemon

L’elenco potrebbe continuare a lungo, e parte del valore de Il potere dei pedali è da cercarsi proprio nel fatto che, oltre a indicarci la via, ci spinge a pensare e riflettere sull’argomento, apportando quindi un nostro contributo al discorso. Razemon (nela foto qua sopra) non cerca di evitare anche i nodi critici e gli aspetti maggiormente problematici, che sono da cercarsi nell’andamento a due velocità dell’Europa che riflette comunque una condizione esistente da molti decenni nella storia della bicicletta.

Sostanzialmente: i Paesi del Nord sono molto più avanti in questo processo di “transizione ciclabile”, mentre quelli che si affacciano su Mediterraneo rimangono al palo.

Possiamo però guardare al futuro con una certa fiducia: 5.000 i chilometri di piste ciclabili in Italia per il 2024, che saliranno fino 20.000 entro il 2030: la ciclovia VENTO è un esempio di quel che di bello attende i ciclisti dello Stivale.

Per maggiori informazioni su Il potere dei pedali potete visitare il sito ufficiale di Edizioni Epoké.

A proposito dell'autore

Grande appassionato di natura, cinema e scrittura, collabora da anni con siti di musica, cinema, spettacolo e informazione occupandosi di varie tematiche. Milano gli ha fatto scoprire il mondo della bicicletta e da allora il suo amore per le due ruote continua a crescere inarrestabile.