Share with your friends










Inviare

Ci sono voluti due anni di sviluppo per dare vita a RE:CYCLE, l’elegante bicicletta urbana dal cuore verde pronta al debutto sul mercato. Riciclando 300 capsule di caffè è stato possibile ottenere una nuova bici: una dimostrazione creativa e sostenibile di come possano essere riutilizzati i miliardi di cialde che ogni anno vengono buttate nella spazzatura in ogni angolo del globo.

Un problema che coinvolge da vicino sia noi consumatori sia le aziende produttrici le quali dedicano, sempre di più, maggior attenzione alle tematiche ambientali.

La bicicletta Vélosophy Re.Cycle con telaio in alluminio riciclato

300 cialde di caffè Nespresso sono la base per il telaio della bici da città Vélosophy Re:Cycle.

Il progetto RE:CYCLE

Nel tentativo di promuovere il suo impegno per favorire un’economia circolare più green, la start-up svedese Vélosophy ha lanciato, in collaborazione con Nespresso, il progetto RE:CYCLE.

L’iniziativa ha trovato disponibilità da parte del famoso marchio produttore di caffè che utilizza alluminio per realizzare le cialde. Essendo un materiale facilmente riqualificabile, che può essere fuso e reimpiegato per dare vita a altri oggetti, l’idea di provare a creare una bicicletta è apparsa subito come una sfida.

Nespresso investe già da alcuni anni diverse risorse per incoraggiare i propri clienti al riciclo delle cialde, pratica che tuttora permette di creare coltellini svizzeri, penne e nuove capsule di caffè. Ma la visione di Vélosophy (il cui nome deriva dall’unione di Vélo – bicicletta in francese – e di Philosophy – filosofia in inglese), ha ampliato le possibilità di riutilizzo dell’alluminio: dare vita a una bicicletta urbana eco-sostenibile.

La più grande sfida tecnica, secondo Jimmy Östholm – fondatore e CEO di Vélosophy – era trovare un modo per convertire l’alluminio leggero delle cialde in un materiare più rigido che permettesse di soddisfare gli standard di sicurezza necessari a produrre una bicicletta. C’è voluto qualche anno di studio, ma alla fine il progetto ha preso forma e ora RE:CYCLE potrà iniziare a popolare le città.

Il campanello equipaggiato sulla Vélosophy Re:Cycle

L’obbiettivo finale non è solo creare un mezzo di spostamento interamente proveniente da materiale riciclato, ma ispirare i cittadini al cambiamento e alla pratica del riciclo. Piccoli gesti che possono fare molto per l’ambiente e dare luce a qualcosa di nuovo.

Si stima infatti che le cialde impiegano circa 150 anni per decomporsi completamente. Per tale motivo è necessario evitare di mandarle a discarica ma bisogna provare a reintrodurle nel ciclo di produzione. Le capsule devono quindi essere raccolte e inviate in speciali centri dove vengono separate dai fondi.

Gli scarti del caffè sono trasformati in compost o utilizzati per produrre biogas, mentre l’alluminio “pulito” è pronto per essere riutilizzato. Tale processo favorisce l’economia circolare e la nascita di nuovi prodotti ecologici.

Una bicicletta con telaio in alluminio riciclato Vélosophy Re:Cycle

Design e caratteristiche tecniche di RE:CYCLE

La innovativa urban bike RE:CYCLE si presenta come un connubio perfetto tra sostenibilità e design.

L’alluminio riciclato è stato lavorato e rimodellato creando forme moderne che incorporano particolari insoliti. Ci si trova di fronte a una bicicletta che mira a ricordare l’origine del prodotto, a promuovere l’iniziativa del riciclaggio e a distinguersi per le linee ricercate.

Ciò che balza subito all’occhio guardando la RE:CYCLE è il cestello realizzato in legno: un pezzo unico di rovere piegato all’interno del quale trovano spazio due portabicchieri. L’idea, concepita per gli amanti del caffè, nasce per le tipiche mug americane che possono agilmente essere alloggiate nel cestello. I riferimenti al mondo di una delle bevande più famose non finiscono qua: il colore viola è ispirato all’Arpeggio, la miscela mediterranea per eccellenza, mentre il campanello è modellato sulla forma iconica della cialda.

Agli elementi di design pure si affiancano anche le componenti più tecniche. Il telaio, ovviamente prodotto da alluminio riciclato di caspule Nespresso, è abbinato a route da 28″ con copertoni Giro Continental Tour Ride di larghezza 1.6″.

Dotata di freni a disco, la RE:CYCLE monta una trasmissione Shimano Nexus a 5 velocità. A completare il quadro di questa bicicletta green ci pensano la sella Brooks Cambium, il cavalletto centrale e i parafanghi anteriore e posteriore.

Una bici da passeggio urbano Vélosophy Re:Cycle

Prezzo e disponibilità

Con un peso dichiarato di 15 chilogrammi, la RE:CYCLE è disponibile, in unica taglia 56, a un prezzo al pubblico di 1.290 euro (IVA inclusa).

La bicicletta è acquistabile solamente online presso il sito di Vélosophy senza ulteriori spese di spedizione. La politica dell’azienda svedese mira infatti a ridurre i costi operativi, eliminando negozi fisici e show room. I risparmi ottenuti in tale ottica sono impiegati nel progetto “One for One” dove per ogni bicicletta venduta se ne dona un’altra alle giovani studentesse dei paesi in via di sviluppo.

Per ulteriori informazioni sul RE:CYCLE, così come per approfondimenti sull’iniziativa e su altri modelli e prodotti di casa Vélosophy, vi invitiamo a visitarne il sito ufficiale.

A proposito dell'autore

Un ingegnere comasco con il cuore diviso tra mountain bike, che pratica per diletto nel tempo libero, e la corsa su strada, che ama seguire in TV e dal vivo. La passione per la prima nasce per amore della natura, la seconda grazie ad un nonno tifoso sfegatato del Pirata.