Share with your friends










Inviare

Torna per la quarta volta la Vigorelli-Ghisallo, una classica non competitiva che ha saputo affermarsi nel giro di pochi anni sia per l‘originalità della sua formula che per l’enorme importanza dei due luoghi che collega.

La scelta della data è particolarmente significativa, in quanto domenica 28 ottobre 2018 il Velodromo Vigorelli compirà 84 anni e questa classica sarà ottimo modo di festeggiare il compleanno.

La quarta edizione della Vigorelli Ghisallo è organizzata dal Comitato Velodromo Vigorelli, Museo del Ciclismo Ghisallo e Upcycle, con la collaborazione dell’azienda produttrice di macchine per caffè espresso Faema e il supporto di Titici Bike.

Arrivo al santuario della Madonna del Ghisallo

L’arrivo al santuario della Madonna del Ghisallo a Magreglio (CO).

Questa edizione sarà onorata dalla partecipazione di Paolo Bettini, ciclista per il quale parlano i trofei: un oro olimpico, due maglie iridate, due Liegi-Bastogne-Liegi e una Milano-Sanremo sono fra i risultati conseguiti dall’atleta nel corso della sua carriera da professionista.

Gli appassionati di ciclismo su strada ricorderanno bene come Bettini abbia anche vinto due Giri di Lombardia, passando proprio per il Ghisallo e le sue salite.

La fine di ottobre segna la conclusione delle gare e delle principali attività agonistiche: si tengono le ultime competizioni del calendario granfondo 2018 e in generale i ciclisti di ogni disciplina assaporano il loro periodo di riposo, prima della ripresa delle attività a febbraio 2019.

Velodromo Vigorelli Milano

Nel tempio del ciclismo Vigorelli, che compie 84 anni, i fedeli adorano la due ruote.

Vigorelli-Ghisallo 2018: iscrizione, orari e percorsi

Appuntamento per tutti i partecipanti alle 8.00 di domenica 28 ottobre a Milano, presso il Vigorelli: giusto il tempo di ammirare la pista nota in tutto il mondo e per fare colazione con un energizzante caffè offerto da Faema, e alle 9.00 si parte con meta finale il Ghisallo.

Una volta giunti a destinazione la festa continua in quanto la quota d’iscrizione, pari a 12 euro, comprende anche il pranzo e la visita al Museo del Ghisallo.

È possibile iscriversi sia di persona presso il Velodromo Vigorelli in occasione delle aperture: 7 e 14 ottobre, ancora di persona recandosi a Upcycle in via Ampère 59 a Milano, o infine online presso questa pagina: la scadenza delle iscrizioni è prevista per lunedì 22 ottobre.

Upcycle bike café

Ai tavoli di coworking dell’Upcycle bike café si può lavorare, studiare o leggere da mattina a sera.

Sono previsti un percorso corto di 73 chilometri (circa 1140 metri di dislivello) e uno lungo di 90 chilometri (circa 1520 m di dislivello). Il ritorno potrà essere effettuato sempre in sella alla due ruote oppure con treni da Asso-Canzo per Milano Cadorna

Upcycle è il bike café più interessante e originale fra quelli emersi nella recente ondata di bike café di Milano e offre ai suoi frequentatori un bistrot biologico e uno spazio di coworking in grado di coprire ogni momento della giornata, dalla colazione all’aperitivo, fino alla cena.

Il Velodromo Vigorelli è una leggenda, la cui pista in parquet ha ospitato vari mondiali e record dell’ora, e che ultimamente sta conoscendo una seconda giovinezza, con la pista che riapre per alcuni eventi e degli esperimenti di noleggio bici.

Museo ciclismo Ghisallo

I busti di Coppi e Bartali presenti all’esterno del Museo del ciclismo Madonna del Ghisallo.

Il Museo Madonna del Ghisallo, infine, sorge in una location storica per il ciclismo italiano e anche lui sta vivendo una nuova vita per offrire ai visitatori la possibilità di ammirare alcuni importanti cimeli, fra i quali spicca la più ampia collezione di maglie rosa del mondo.

Per maggiori informazioni e tracce GPX dei due percorsi è possibile visitare la pagina Upcycle dedicata alla Vigorelli-Ghisallo 2018.

A proposito dell'autore

Grande appassionato di natura, cinema e scrittura, collabora da anni con siti di musica, cinema, spettacolo e informazione occupandosi di varie tematiche. Milano gli ha fatto scoprire il mondo della bicicletta e da allora il suo amore per le due ruote continua a crescere inarrestabile.